Tutto quello che vuoi sapere sul fischio nell’orecchio
covid-19

Acufene e Covid-19: domande e risposte

Sempre più persone affette da acufene si domandano se esiste una relazione con il Covid e come questo possa acuire o far nascere il disturbo. La British Tinnitus Association, associazione indipendente di supporto alle persone affette da acufene ha di recente pubblicato le domande più frequenti dei pazienti.

C’è un legame tra acufene e Covid-19?

La risposta è sì. Diversi studi stanno confermando la relazione tra Covid-19 e acufene e sappiamo anche che l’acufene può peggiorare durante i periodi di stress, come quello che stiamo vivendo. In particolare uno studio condotto da un team di medici audiologi dell’Università di Manchester ha rilevato che il 6,6% dei pazienti ha riferito di aver sviluppato l’acufene dopo il ricovero per il Covid-19. Un altro studio, condotto dalla Anglia Ruskin University di Cambridge, ha scoperto che il 46% di chi ha contratto il Covid nel Regno Unito ha riferito che l’acufene è peggiorato a causa dell’impatto dell’isolamento e dei cambiamenti nello stile di vita in periodo di pandemia.

C’è un legame tra Long-Covid e acufene?

Sì, l’acufene è stato riconosciuto come uno dei tanti effetti collaterali del Long-Covid.

>> Leggi anche: Sei consigli per controllare lo stress da pandemia

Ho paura che il vaccino Covid-19 stia facendo peggiorare il mio acufene

Nella fase di sperimentazione del vaccino – precedente al suo rilascio – non esiste menzione all’insorgenza o al peggioramento dell’acufene, tra gli effetti collaterali. Il rapporto sulla sicurezza della Medicines and Healthcare products Regulatory Agency (MHRA) è in continuo aggiornamento e le prove mostrano che i vaccini sono sicuri. La probabilità che i vaccini causino o peggiorino l’acufene sembra essere remota o nulla.

Altri fattori associati a una vaccinazione, come stress, ansia e malessere, sono comuni fattori scatenanti dell’acufene e potrebbero contribuire a renderlo più invadente. Se sei preoccupato, parlane con il tuo medico di base o con i medici del centro di vaccinazione, che saranno in grado di consigliarti.

Il mio acufene è aumentato molto da quando lavoro da casa, perché?

Sappiamo che lavorare da casa è stato un cambiamento per molte persone e una sfida per altre. Lavorare da casa significa stare in un ambiente molto più tranquillo e silenzioso e vengono meno le distrazioni ambientali che allontano il pensiero dall’acufene. E significa anche la mancanza di interazioni sociali, l’aumento di videochiamate e riunioni online che possono incrementare livelli di stress e ansia, indifferentemente nelle persone con e senza acufene. Qualche esercizio di rilassamento può essere utile, non occupare tutto il tuo tempo lavorando, ma prenditi del tempo per te stesso.

Sto usando di più le cuffie a casa, questo influenzerà il mio acufene?

Lavorare da casa può significare usare più spesso le cuffie per call e per isolarsi dall’ambiente casalingo se questo è rumoroso, e questo può creare la preoccupazione che l’uso più frequente di auricolari possa peggiorare l’acufene e l’udito.

Semplici consigli per non subire danni sono quelli di tenere il volume al minino e se possibile usare auricolari o cuffie con la cancellazione di rumore. In commercio esistono anche cuffie a conduzione ossea che ti permettono di sentire attraverso le ossa del cranio anziché attraverso le orecchie.

Se usi abitalmente le cuffie, concediti delle pause regolari per far riposare le orecchie e leggi i nostri consigli per l’uso corretto degli auricolari.

Uscire dall’isolamento e tornare alla “normalità” avrà un impatto sul mio acufene?

Quando le cose cominciano a tornare a una sorta di normalità, potresti ancora sentirti abbastanza ansioso e stressato, e questo potrebbe avere un impatto sul tuo acufene.

È del tutto normale sentirsi ansiosi di fronte ai cambiamenti, ma nessuno di noi sa cosa ci riserva il futuro e dobbiamo cercare di non preoccuparci di cose che non possiamo controllare. Fai attività che ti aiutano a rilassarti e affronta le cose un giorno alla volta.

Posso parlare con una Tinnitus Clinic o fissare una visita per acufene in questo momento?

Se l’acufene è comparso in questo periodo o è peggiorato, è importante che tu possa parlarne con qualcuno. Capiamo che questo potrebbe non essere facile in questo momento, ma non lasciare che questo impedisca di metterti in contatto con uno specialista. Ad esempio la Tinnitus Clinic di Milano è sempre operativa per diagnosi e terapia degli acufeni, è anche possibile fissare un video consulto per poter eseguire una parte della visita a distanza oppure per avere ulteriori informazioni.

Ho preso un appuntamento per una visita  ma c’è una lista d’attesa. Cosa posso fare nel frattempo?

Ci sono alcune cose che puoi fare mentre aspetti il tuo appuntamento. L’ansia e lo stress possono avere un impatto negativo sull’acufene, quindi ricordati di ritagliarti del tempo per le cose che ti fanno stare bene, e cercare di mantenere la tua routine quotidiana.

>> Leggi anche: Le dieci cose da fare non appena compare l’acufene


Foto di copertina: wirestock – www.freepik.com



Avatar

  Redazione

  La redazione di acufene.it è composta da redattori, dottori che ogni giorno si confrontano con i problemi della sordità, costantemente aggiornati sulle novità dei prodotti e della ricerca.



TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

acufene, coronavirus, covid, covid-19

Lascia un commento

© 2019 Acufene.it - L'informazione sull' Acufene e sul fischio nell’orecchio
gestito da Del Bo Tecnologia per l’ascolto | P.IVA 01189420050 | Powered by 3bit